Immergersi con la fotocamera: cosa considerare quando si acquista una custodia subacquea

Il pensiero potrebbe avervi martellato per un po’ nella testa. Hai visto i subacquei fotografare durante i loro viaggi e hai rivisto ciò che hanno vissuto sott’acqua. Oppure potreste essere  dei un fotografi professionisti che cercano di portare la loro attività ad un livello diverso. Forse pensate di aver portato la vostra GoPro ai suoi limiti. Qualunque sia la ragione, ora vi trovate interessati alla fotografia subacquea ma non sapete da dove iniziare.

 

Uno dei primi pezzi di attrezzatura di cui avraete bisogno per una fotografia subacquea più seria è una scafandratura per la fotoamera e un oblo sferico. La scafandratura della fotocamera è la struttura rigida che circonda la tua fotocamera e ti consente di utilizzarla. Ogni scafandratura della fotocamera sarà unica per una telecamera macchina.

Qeuste custodie possono offrire molte caratteristiche differenti. Ad esempio, alcune offrono avvisi acustici e / o visivi per notificare la perdita di pressione. Troverai molte opzioni per personalizzare la tua scafandratura, e  differenti fasce di prezzo. Ricordate solo che questo è quella parte di attrezzatura che impedisce alla fotocamera di fare una rapida umida brutta fine . Quindi, questa potrebbe non essere la parte migliore su cui risparmiare.

Oblò sferico

Proprio come la custodia  è unica per ciascuna fotocamera, l’oblà sferico funzionerà solo con obiettivi specifici. Assicurati, prima dell’acquisto, di pensare a che tipo di foto vorrai realizzare e quindi l’obiettivo che vorrai alloggiare.

In genere, gli oblò sferici saranno realizzate in due materiali, acrilico o vetro. Il vetro sarà più difficile da graffiare o rigare,  è più pesante e tende ad essere più costoso. D’altro canto, l’acrilico di solito è meno costoso, più leggero e più facile da graffiare, tuttavia, i graffi possono essere levigati in una certa misura.

È inoltre possibile scegliere un oblò sferico  con un anello di messa a fuoco, che si allinea ad un quadrante sulla custodia e consente di mettere a fuoco manualmente la fotocamera. Altrimenti, scatti solo con la messa a fuoco automatica. Tutto ciò che scegli per la tua configurazione dipende da quale tipo di immersione hai intenzione di fare.

Parliamo di accessori …

Una volta scelto il corpo per il tuo sistema di fotocamere subacquee è il momento di guardare gli accessori. Le esigenze di base sono la copertura dell’obiettivo, una sorta di maniglia per il trasporto, agganci, possibilmente una piccola card per il bilanciamento del bianco al fine aiutare con le regolazioni in profondità.

Qualsiasi fotografia o video realizzato oltre i primi metri richiederà l’uso di qualche forma di illuminazione. Questo può essere un flash,  programmati per rilasciare un flash veloce, o luci video. Queste luci saranno montate sull’alloggiamento tramite bracci e snodi sferici.

Solitamente questi bracci hanno una galleggiabilità negativa, ma possono essere acquistati anche con galleggiabilità positiva. Questi possono aiutare a togliere un po’ di peso dal resto della fotocamera.

Dopo aver iniziato ad usare i vostri sistemi di fotocamere, potreste poi essere in grado di riconoscere quali modifiche, aggiunte o aggiustamenti vi serviranno per apportare miglioramenti. Questa sarà un’esperienza di apprendimento pratico. Quindi non siate frustrati se all’inizio la vostra galleggiabilità sarà pessima o le vostre foto non appariranno nel modo in cui speravate. Le foto  subacquee saranno completamente diverse da quelle realizzate sulla terraferma

Un sistema di fotografico subacqueo dovrebbe essere trattato come qualsiasi altro strumento di immersione.

Ci saranno delle routine da seguire per attenuare il rischio di errori di sistema. Le vostre abitudini pre-immersione generalmente includono l’ispezione e la lubrificazione degli oring prima di sigillare e bloccare il sistema. Se la vostra custodia offre queste caratteristiche, testerete anche le batterie che alimentano il vostro sistema di allarme e pressurizzerete l’alloggiamento usando una piccola pompa.

Una volta in acqua, prima di iniziare l’immersione, eseguirete un controllo delle bolle. Fate questo rimuovendo e riponendo il copriobiettivo, immergendo il sistema, lentamente se possibile, e ruotandolo con diverse angolazioni per vedere se ci sono delle perdite. Piccole bolle sono comuni in quanto l’aria sarà rimasta intrappolata in eventuali fessure. Se si notano tracce ripetute di bolle, è necessario rimuovere l’alloggiamento dall’acqua e ispezionarlo ulteriormente.

Se vi immergete in ​​acqua salata o contaminata, asciugate l’alloggiamento quanto basta per rimuovere la fotocamera. Quindi effettuate un risciaquo immegendolo in acqua dolce. Assicuratevi di testare qualsiasi pulsante o ghiera mentre è sott’acqua. Questo aiuterà ad espellere qualsias residuo di sale o sedimento rimasto nelle fessure. Dopo l’immersione, eseguite un altro risciacquo rapido e lasciate asciugare in un ambiente a clima controllato.

Proprio come i vostri erogatori, la vostra custodia dovrà essere revisionata una volta all’anno. Questa è parte integrante della manutenzione delle custodie. I professionisti che esequono queste manutenzioni hanno l’esperienza necessaria e sanno come controllare questa attrezzatura.

Immergetevi, Immergetevi e ancora Immergetevi

Quando ci si immerge da una barca ci saranno alcune cose a cui pensare. Queste includono:

  • Come entrate e escite dall’acqua?
  • Dove riponete la tua fotocamera?
  • Cosa tenete nel kit fotografico?

Ci sono altre cose da considerare ora che avete questa nuova configurazione, ma non c’è niente da sottolineare. Le cose saranno gestite in modo simile a come erano prima. Potete eseguire una entrata con passo gigante tenendo la fotocamera contro il petto. Potete anche entrare in acqua e farvi avvicinare la fotocamera da un membro dell’equipaggio.

Quando uscite, passate semplicemente la fotocamera a bordo. L’equipaggio generalmente lo colloca in una vasca di risciacquo specifica per le fotocamere. Se tenete il copriobiettivo a bordo, chiedete gentilmente a un membro dell’equipaggio, di metterlo prima che entri nella vasca

Quindi, cosa succede se la batteria della vostra fotocamera muore o un O-ring è danneggiato? Così come, siete abiturati ad avere un vostro un kit salva-immersione, ne realizzerete uno simile per la vostra fotocamera. Questo conterrà elementi come:

  • Batterie extra
  • O-ring
  • Lavagnetta per il  bilanciamento del bianco
  • Panni per la pulizia degli obiettivi
  • Lubrificante per O-ring

Non importa quanto siete preparati, c’è sempre la possibilità che le cose vadano male. Potrebbe non essere una cattiva idea acquistare un piano assicurativo per il vostro  nuovo sistema di fotocamere subacquee.

Ricordate solo che questo è un investimento importante e dovrebbe essere trattato come tale.
Tuttavia, con la giusta accortezza, preparazione e cura, è quella cosa che potrà portarvi molto divertimento per gli anni a venire!

Seguici, condividici, amaci: